ago 24 2009

ASL AT: BANDO PER MEDIATORI CULTURALI

L’Asl AT è tra le 40 Aziende sanitarie/ospedaliere di tutta Italia che hanno scelto di collaborare con l’INMP (Istituto Nazionale per la promozione della salute delle popolazioni Migranti ed il contrasto della malattie della Povertà) ad un progetto nazionale per la formazione di 80 mediatori culturali.

 

L’iniziativa si intitola “Promozione dell’accesso della popolazione immigrata ai servizi sociosanitari e sviluppo delle attività di informazione ed orientamento socio-sanitario nelle Asl italiane”.
L’intervento è finalizzato alla formazione di nuove figure professionali che possano dare un valore aggiunto al rapporto tra sanità locale e popolazione immigrata. A settembre è fissata la selezione di 2 mediatori culturali da inserire in un percorso formativo specialistico: il giorno 4 scadrà il termine di presentazione delle domande di partecipazione alle prove (scritta e orale) in programma il 14 dello stesso mese.
Questo progetto, finanziato dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali e regolato da una convenzione firmata tra Asl e INMP, prevede che in ogni Azienda aderente vengano selezionati, in base a competenze e curriculum, 2 mediatori da avviare ad un percorso di insegnamenti, frontali e sul campo, della durata di circa 9 mesi.
L’inizio del corso teorico (40 ore totali) è previsto in ottobre, si terrà a Roma, durerà una settimana e sarà gestito dall’INMP; la seconda parte d’aula (160 ore) e lo stage (altre 200 ore) saranno coordinati dall’Azienda Ospedaliero Universitaria San Giovanni Battista – Molinette che, con Asti e Asl TO3, rappresenta il Piemonte; il periodo finale di “training on the job” (della durata di sei mesi) sarà infine svolto all’interno di reparti e servizi dell’Asl astigiana.
Gli obiettivi principali del progetto sono quello di valorizzare il processo di inclusione sociale degli immigrati, potenziare l’interazione tra persone straniere e servizi sociosanitari e promuovere attività di informazione e orientamento a supporto delle Asl italiane mediante anche il contributo e l’inserimento di mediatori linguistico-culturali.
Vista l’alta presenza di stranieri sul territorio (l’Astigiano si trova ai primissimi posti a livello nazionale con oltre il 7% della popolazione proveniente da Paesi stranieri) l’Asl AT ha aderito al progetto mettendo in campo le proprie risorse di personale per i compiti di tutoraggio ed organizzazione.
Il ruolo delle Aziende sanitarie e ospedaliere coinvolte sarà quello di favorire l’acquisizione di un nuovo bagaglio professionale per i mediatori, che potranno, in un secondo momento, utilizzarlo anche in altri ambiti.
Oltre a formarsi, gli interessati riceveranno 9.200 euro lordi a titolo di rimborso spese complessivo per le attività che svolgeranno durante il progetto.

Avviso di selezione

Facsimile domanda

Fonte: sito web Asl At

Nessun commento

Indirizzo per trackback | Feed RSS dei commenti

Inserite il vostro commento

Tutte le news